Durante i primi nove mesi del 2019, le denunce di infortuni mortali sul lavoro sono diminuite del -6.5 % rispetto allo stesso periodo del 2018.
Un calo che tiene conto dei così detti INCIDENTI PLURIMI, ovvero eventi che causano la morte di almeno due lavoratori.

Il decremento ha interessato tutte le gestioni in ambiente lavorativo, soprattutto nei settori dell’Industria e Servizi, a seguire Agricoltura e il Conto Stato.

La diminuzione a livello territoriale ha coinvolto il Nord-Ovest, il Nord-Est e il Sud.
Restringendo l’aria alle regioni, troviamo decrementi sostanziali per la Liguria e Veneto, mentre incrementi nel Lazio e nella provincia autonoma di Bolzano.

L’andamento delle denunce si è rivelato decrescente per entrambi i sessi.

L’analisi dei dati ha invece dimostrato un incremento rispetto al 2018 per gli infortuni in itinere, ovvero per quegli infortuni che avvengo nel tragitto di andata e ritorno fra la propria casa e il posto di lavoro.

In crescita di un +2.4% le denunce per malattia con maggior rilevanza al Nord-Est, Centro, Sud e Isole.

I dati sono stati estrapolati dal report dell’Inail consultabile a questo link.

Guarda l’infografica animata.