È da poco passata la prima scadenza che porta nel mondo dell’agricoltura una maggiore attenzione alla sicurezza delle macchine.
I trattori agricoli sono la prima categoria di macchine da sottoporre a revisione; in particolare i trattori immatricolati entro il 31 dicembre 1973 avevano la loro prima scadenza di revisione fissata per il 31 dicembre 2017.
Il meccanismo attuato dal legislatore prevede, entro il 2020, il controllo dell’intero parco circolate con un impegno stimato di circa 500.00 revisioni anno.
Un nuovo adempimento è sicuramente oneroso se valutato dal punto di vista della messa a norma di un gran numero di mezzi obsoleti, ma ci da la grande possibilità di alzare il livello di sicurezza nelle lavorazioni agricole (oltre il 50% degli infortuni in agricoltura con conseguenze gravi e mortali coinvolge il trattore).
Sono ancora molti i problemi tecnici, operativi e normativi da affrontare per attivare le giuste modalità, ad oggi responsabilità e modalità di revisione sono ancora incerte.

Nel seguito le scadenze riguardanti i trattori agricoli (da Art. 6 del D.M. 20 maggio 2015):

  • Trattori agricoli immatricolati entro il 31.12.1973 – Revisione entro il 31.12.2017
  • Trattori agricoli immatricolati dal 01.01.1974 al 31.12.1990 – Revisione entro il 31.12.2018
  • Trattori agricoli immatricolati dal 01.01.1991 al 31.12.2010 – Revisione entro il 31.12.2020
  • Trattori agricoli immatricolati dal 01.01.2011 al 31.12.2015 – Revisione entro il 31.12.2021
  • Trattori agricoli immatricolati dopo il 1 gennaio 2016 – Revisione dopo 5 anni.