Lo stato di Emergenza sanitaria terminerà, salvo proroghe, il 31/07/2020.
Fino a tale data i datori di lavoro dovranno assicurare la Sorveglianza Sanitaria Eccezionale dei lavoratori fragili come disposto dall’art. 83 dal Decreto “Rilancio” n34/2020 recante “misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonchè di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. (20G00052)”.

Rientrano nella categoria lavoratori fragili, quei lavoratori che risultano essere maggiormente esposti al rischio contagioper condizioni derivanti da immunodeficienze da malattie croniche, da patologie oncologiche con immunodepressione anche correlata a terapie salvavita in corso o da più co-morbilità, valutate anche in relazione dell’età.”

Due possibili scenari

1) I datori di lavoro soggetti all’obbligo della sorveglianza sanitaria, dovranno provvedere al mantenimento della sorveglianza sanitaria eccezionale affidandosi al medico competente.

2) I datori di lavoro che, ai sensi dell’art. 18, co. 1 lett. a), d.lgs. 81/2008 non soggetti a tale obbligo potranno:

  • nominare un medico competente per tutto il periodo della sorveglianza sanitaria eccezionale.
  • oppure rivolgersi ai servizi territoriali INAIL che provvederanno con l’assegnazione dei propri medici del lavoro.

Come posso accedere al servizio INAIL Sorveglianza Sanitaria Eccezionale?

La domanda dovrà essere inoltrata sfruttando la piattaforma online “Sorveglianza Sanitaria Eccezionale” appositamente creata per il servizio.

Verrà così individuato il medico della sede territoriale più vicina al domicilio del lavoratore, il quale, al termine della visita, esprimerà il suo parere “riferito esclusivamente alla possibilità per il lavoratore di riprendere l’attività lavorativa in presenza nonché alle eventuali misure preventive aggiuntive o alle modalità organizzative atte a garantire il contenimento del contagio”.

Il servizio erogato dall’INAIL prevede un costo a carico del datore di lavoro.

Per ulteriori informazioni: link all’articolo dell’INAIL.