VALUTAZIONE RISCHIO MICROCLIMA

Con il termine microclima si intende l’insieme dei parametri fisici che determinano il “benessere termico” degli ambienti di vita e di lavoro.
Attraverso il controllo della temperatura, dell’umidità relativa, della temperatura media radiante e della velocità dell’aria è possibile miglioramento del comfort termico degli ambienti chiusi.

NORMATIVA

Gli attuali obblighi legislativi prevedono la tutela del benessere del lavoratore valutando gli aspetti di tipo “ergonomico”, di cui le condizioni microclimatiche rappresentano uno dei più importanti fattori.
Il titolo VIII del D.lgs. 81/08 definisce all’art. 180 il microclima come uno degli agenti di rischio fisico. Al rischio si applicano le disposizioni generali del CAPO I contenute negli articoli 181 – 186.
La norma UNI EN ISO 7730:2006 Ergonomia degli ambienti termici ci indica i metodi analitici per interpretare il benessere termico (calcolo degli indici PMV e PPD e dei criteri di benessere termico locale).

D.LGS 81/08 TITOLO VIII CAPO I
UNI EN ISO 7730:2006

PROGRAMMA:
Il piano di intervento AdMelius prevede i seguenti steps:
1) Rilevazione dei parametri microclimatici di
– Temperatura secca dell’aria (ts)
– Umidità relativa (U%)
– Temperatura media radiante relativa al globo nero (tg)
– Velocità dell’aria (Va)
2) Calcolo degli indici PMV e PPD utili alla rappresentazione della sensazione termica statistica.
3) Calcolo dell’indice DR per la quantificazione del rischio da correnti d’aria.
4) Confronto dei valori calcolati con i parametri di riferimento previsti dalla norma UNI EN ISO 7730:2006.
5) Redazione del documento tecnico conclusivo.

CONTATTACI

1 Step 1
pick one!
reCaptcha v3
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder